Dalla colazione all'aperitivo 10 idee per aumentare i clienti del tuo bar

Pubblicato il 28-nov-2018 10.55.43

Dal caffè del mattino all’apericena, il decalogo completo per attrarre clienti con gusto e creatività

 

Si fa presto a dire apro un bar, ma gestire un’attività non è semplice come si potrebbe pensare. In ballo ci sono dinamiche territoriali, aspetti concorrenziali e la natura della propria vocazione lavorativa. Nessun locale è uguale ad un altro e per avviare un’attività di successo è fondamentale comprendere a chi ci rivolgiamo e assecondarne gusti e tendenze.

 

Individua il tuo momento e specializza il tuo bar 


Scegliere in quale segmento di mercato inserirsi è fondamentale per far avere lunga vita alla propria attività e aumentare la clientela. Le tipologie di locale sono diverse e tutte viaggiano secondo tendenze e stili differenti. Secondo i dati pubblicati nel giugno 2018 dalla Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) a prevalere attualmente sono i breakfast e morning (30%), seguiti da bar generalisti (24%), lunch bar (17%), bar serali (16%) e bar multifunzione (14%) (clicca qui per visualizzare l'articolo relativo alle statistiche)

Recenti ricerche curate da TradeLab dimostrano, inoltre, che i locali despecializzati stanno sempre più diminuendo. Cercare di offrire il servizio che il cliente desidera dalla colazione al dopo cena è giusto, ma non focalizzarsi su una delle fasi della giornata è un errore. Specializzarsi, individuando il proprio target e quindi il momento di consumo su cui puntare, è fondamentale per il successo della tua attività. Il tuo bar deve essere un vestito su misura per i clienti, calzare alla perfezione per le loro esigenze e desideri. Il primo passo da fare in questo senso è distinguere i momenti più frenetici da quelli meno affollati e focalizzare gran parte delle risorse e delle energie sulla specializzazione che conviene per il tuo bar. In questo modo potrai diventare un punto di riferimento fisso per la tua migliore clientela.

Tutto quello che verrà ti costerà fatica e soddisfazione. Ecco alcune idee per gestire al meglio le varie fasi della giornata, intercettando la tua clientela.

 

1) Gli affari del mattino hanno l’oro in bocca

La colazione resta il momento preferito in cui gli italiani amano abbandonarsi alle coccole dei baristi. Sempre la Fipe ha spiegato che la colazione al bar è un’abitudine che ogni giorno riguarda 5,4 milioni di clienti. In questo caso per la scelta del locale sono l’abitudine e la comodità ad avere la meglio. Come fare allora per distinguersi dalla concorrenza? Le possibilità hanno una chiave duplice: l’assortimento e l’innovazione. Anche se caffè o cappuccino con brioche restano i re indiscussi delle ordinazioni, non bisogna limitare la propria offerta alla colazione all’italiana. Le tendenze descrivono orientamenti sempre più salutisti: sul  menù non potrà mancare la scelta vegana, con prodotti senza latte né uova, cappuccini alla soia, centrifughe di frutta e verdura, cornetti con farina integrale e farciture di agrumi e frutti esotici.

 

2) Latte art, un sorriso a portata di tazza

Nel marasma della concorrenza mattutina un modo per distinguerti dai competitors è far risvegliare i tuoi clienti con un bel sorriso. Accoglierli con gentilezza e solarità non guasta, ma perché non aggiungere una nota di creatività alle loro bevande a base di caffè?  La latte art è una tecnica complessa, attraverso cui si creano decorazioni con la schiuma nella tazza. Che tu voglia realizzare il nome del cliente o una figura, fino alle decorazioni più artistiche, l’importante sarà ottenere l’effetto sorpresa. Corsi di formazione, come quello proposto dall’Academy di Musetti, con esperti eccellenze del settore, rispondono alle esigenze dei coffee lovers e dei professionisti che vogliono scoprire tutti i trucchi di quest’arte (clicca qui per scoprire l'Academy di Musetti).

 

3) L’healthy food la fa da padrone all’ora di pranzo

Se in passato il pranzo era considerato il pasto durante il quale poter chiudere un occhio sulle calorie presenti nel piatto, oggi le esigenze sono cambiate. Sempre più persone prestano attenzione alla qualità di ciò che mangiano, con un occhio puntato alla salute. Scelte culinarie che secondo il Rapporto globale sulle tendenze del cibo e delle bevande nel 2018 di Mintel avranno una diffusione sempre maggiore. Dunque anche per il tuo bar l’healthy food è una tendenza che non puoi permetterti di sottovalutare per la clientela della pausa pranzo. Piatti vegetariani, proposte gluten free o che rispondono ad esigenze nutrizionali specifiche, insalatone e ricette con prodotti biologici non possono mancare nel tuo menù. Per la clientela che ha poco tempo a disposizione il tradizionale panino sarà un’opzione sempre valida, magari proposto con diverse farine e farciture.

 

4) Le mura del tuo bar per l’appuntamento fisso con il mondo

Le giornate sono segnate da una frenesia sempre maggiore. Tra lavoro e famiglia rincorriamo un momento di tranquillità a volte per settimane intere. Offrire dei momenti speciali durante i quali vivere un’esperienza mai fatta prima, all’insegna della scoperta, può dare una marcia in più alla tua attività, attirando clienti nuovi e fidelizzando gli affezionati. Perché non proporre, allora, serate a tema con cadenza periodica? Ogni appuntamento potrà esplorare una realtà diversa, spaziare nelle culture del mondo dalle più esotiche alle territoriali. Un’esperienza immersiva, in cui i partecipanti attraverso l’atmosfera, il gusto e le attività della serata potranno fare un viaggio rimanendo tra le mura del tuo locale.

 

5) Cocktail, la spettacolarità a portata di bancone

Da quando nel 1806 comparvero per la prima volta nel Balance and Columbian Repository, i cocktail ne hanno fatto di strada. Pre-dinner, after dinner, long drink e popular, ne esistono per tutti i gusti e per le diverse fasi della giornata. Il mondo del bartending è ambizioso e riuscire ad imporsi in questo campo può dare soddisfazioni in termini economici e ancora di più professionali. Offrire una reale cockatail experience ai clienti vuol dire specializzarti sul serio e non lasciare nulla al caso. Le tecniche sono diverse e si fanno sempre più spettacolari, basti pensare alle preparazioni acrobatiche. Come punto di partenza, ricettario IBA alla mano, nel tuo locale non potrà mancare l’attrezzatura completa, i bicchieri adeguati per ogni tipo di cocktail e  una decorazione accattivante che incuriosisca il cliente. Occhio alle tendenze che spingono verso il multisensoriale!

 

6) Crea momenti di socialità per riempire il tuo bar

Lo svago e la conversazione sono tra le motivazioni principali che spingono ad andare a fare un aperitivo. I bar in questo contesto possono porsi come luoghi realmente alternativi agli spazi virtuali per socializzare, soprattutto tra i giovani. Perché non ricreare allora momenti di socialità ah hoc, pensando ad aperitivi in cui si organizzino giochi di ruolo, ma anche serate con musica dal vivo o di karaoke se il target di clientela lo richiede.

 

7) L’apericena, scelte gourmet con un occhio al portafoglio

Oltre al divertimento, chi va al bar non lo fa solo per il beverage. Il cibo che accompagna la consumazione, in particolare all’ora dell’aperitivo a fine giornata, è una componente fondamentale per il successo del tuo bar. Perché la clientela scelga te piuttosto che i tuoi competitors la tua offerta culinaria deve essere il giusto mix tra qualità, gusto e costo conveniente. A seconda del tuo target scegli se organizzare un buffet self service o servire gli assaggi ai tavoli. Nel menù non potranno mancare idee sfiziose, alimenti freschi e stagionali, prodotti a km zero e dop, cucina vegan o vegetariana, senza mai dimenticare le scelte per clienti celiaci, intolleranti al lattosio o con altre esigenze nutrizionali, o perché no qualche specialità territoriale. Non aver paura di osare, la sperimentazione è sempre ben accetta, anche se applicata alle ricette classiche. Una proposta gastronomica soddisfacente e variegata ad un prezzo del drink contenuto sarà un ottimo incentivo per il cliente a tornare e consigliare il tuo bar.

 

8) Anche l’occhio nel servizio vuole la sua parte

Offrire un ricordo al tuo cliente può essere un modo per fidelizzarlo. Un servizio particolare, veloce e pulito o come si presenta al tavolo delle consumazioni, farà rimanere impresso nella mente del cliente quel momento. Niente di estremamente complicato, ti servono solo creatività e inventiva. Potresti optare per bicchieri particolari per l’aperitivo o per decorazioni accattivanti, adoperando agrumi, bucce, semi, fiori e frutta intagliata.

 

9) Atmosfera giusta e comfort della location

Se vuoi sviluppare un concept ben definito per il tuo bar, non puoi sottovalutare la location. Il locale dovrà essere allestito secondo l’idea che si vuole offrire ai clienti. Cool, storico, domestico, moderno, l’arredo sarà la carta d’identità del bar e del servizio che intendi offrire. Attenzione, poi, all’atmosfera, mai troppo rumorosa con musica ad alto volume, e al comfort. In questo senso hanno un ruolo importante la disposizione dei tavoli, mai troppo attaccati, e le sedute comode anche se ricercate nel design. In questo modo i clienti non scapperanno, anzi faranno presto ritorno e consiglieranno il tuo bar! 

Su come creare un ambiente confortevole e rilassato leggi anche l'articolo "Guida per baristi: dalla preparazione del bancone al servizio perfetto"). 

 

10) La visibilità sul web

Dalla colazione al dopocena, se il tuo bar è presente sul mercato dovrà esserlo anche sui social network e nella serp di Google. La visibilità sul web è una chiave indispensabile al giorno d’oggi per aumentare la clientela ed essere individuabili sul territorio. Dalla scheda su Google my Business alla presenza sui social più diffusi, le regole di base sono sempre la chiarezza delle informazioni e la creatività.

 Sull'argomento ti consigliamo anche di leggere "Gli errori da evitare per il successo del tuo bar".

 

Cerchi un buon caffè per non deludere i tuoi clienti? 

 

DIVENTA PARTNER MUSETTI 

Argomenti: Per il bar

Hai commenti o suggerimenti? Scrivici!